Quel mazzolin di fiori

Quel mazzolin di fiori
che vien dalla montagna
Quel mazzolin di fiori
che vien dalla montagna
e guarda ben che no ‘l se bagna
che lo voglio regalar.
e guarda ben che no ‘l se bagna
che lo voglio regalar.

Lo voglio regalare,
percheè l’è un bel mazzetto.
Lo voglio regalare,
percheè l’è un bel mazzetto.
Lo voglio dare al mio moretto
questa sera quando ‘l vien.
Lo voglio dare al mio moretto
questa sera quando ‘l vien.

Sta sera quando ‘l viene
sarà una brutta sera
Sta sera quando ‘l viene
sarà una brutta sera.
e perchè sabato di sera
lu non l’è vegnù da me.
e perchè sabato di sera
lu non l’è vegnù da me.

Non l’è vegnù da me
l’è andà dalla Rosina.
Non l’è vegnù da me
l’è andà dalla Rosina.
e perchè mi son poverina
mi fa pianger e sospirar.
e perchè mi son poverina
mi fa pianger e sospirar.

Mi fa pianger e sospirare,
sul letto dei lamenti
Mi fa pianger e sospirare,
sul letto dei lamenti
cosa mai diran le genti,
cosa mai diran di me?
cosa mai diran le genti,
cosa mai diran di me?

Diran che son tradita
Tradita nell’onore
Diran che son tradita
Tradita nell’onore
e a me mi piange il core
e per sempre piangerà.
e a me mi piange il core
e per sempre piangerà.

Paroles Bruno Piccinelli

Durant la seconde guerre mondiale, cette chanson traditionnelle du Piémont est devenue l’un des chants des résistants au régime fasciste et aux nazis.


Lancez la vidéo pour l’écouter

Retour à la liste des chansons