“venarbol”?

– “ven” : c’è per il Veneto
– “arbòl” : c’è “albero” nella lingua veneta

L’obiettivo di questo sito è ambizioso: farli scoprire il frutto delle mie ricerche genealogiche, che riguardano il mio ramo paterno italiano, fortemente radicato nella provincia di Treviso, nel Veneto. La linguetta Genealogia qui sopra vi permetterà di vedere il mio albero genealogico.

È anche destinato a favorire i contatti con tutti quelli che sono legate, da vicino o da lontano, alla città di Borso del Grappa ed ai cognomi Vedovotto, Guadagnin, Gollin, Andreatta e molto altri, tipici della “pedemontana” del Monte Grappa.

Infine, è destinato ad aiutare coloro che cercano la loro ascendenza italiana, ragrupando siti potenzialmente utili nel menu link utili.

Se siete interessati o concernenti, non esitate a contattarmi tramite il formulario o rispondendo ad uno degli articoli del blog.

p.s. : Non scrivo bene la lingua italiana, siate indulgente per i miei errori…

La frase scritta sulle fotografie della benda è estratta della “Divina commedia” di Dante, e più precisamente del “Paradiso.” Fa parte di una strofa del canto IX :

“In quella parte de la terra prava
italica che siede tra Rïalto
e le fontane di Brenta e di Piava,
si leva un colle, e non surge molt’ alto,
là onde scese già una facella
che fece a la contrada un grande assalto.”

In questo passaggio, Dante rievoca la tirannide esercitata da Ezzelino III (1194 -1259), sulla parte del Veneto localizzata tra il Rialto (Venezia) ed i fiumi Brenta e Piave, precisamente la terra dei miei antenati.

Comincia questo viaggio con musica, clicca sotto su sotto per ascoltare “Gasparone Valzer” dal grupo Calicanto, specialista de la musica folk del Veneto.